categorie-e-tag-in-wordpress-cosa-sono-e-come-usarli

Categorie e tag in WordPress: cosa sono e come usarli? Qual è la differenza tra categorie e tag? Qual è il numero ottimale di categorie di WordPress? Quante sono troppe? Va bene assegnare un post in più categorie? Esiste un limite di tag che possiamo assegnare a ciascun post? I tag funzionano come meta parole chiave? Ci sono dei vantaggi SEO nell’uso delle categorie rispetto ai tag o viceversa?

Prima di discutere una qualsiasi delle domande sopra elencate, dobbiamo capire cosa sono le categorie e i tag. Nella nomenclatura di WordPress, sia le categorie che i tag sono noti come tassonomie. Il loro unico scopo è ordinare i tuoi contenuti per migliorare l’usabilità del tuo sito. Ciò significa che quando un utente arriva al tuo sito, può facilmente navigare tra i contenuti per argomento anziché navigare cronologicamente, ovvero come sono stati inizialmente impostati i blog.

Qual è la differenza tra categorie e tag in WordPress?

Le categorie sono pensate per un ampio raggruppamento dei tuoi post. Pensa a questi come argomenti generali o sommari per il tuo sito. Le categorie sono lì per aiutarti a identificare di cosa tratta veramente il tuo blog. Serve ad aiutare i lettori a trovare il giusto tipo di contenuto sul tuo sito. Le categorie sono gerarchiche, quindi puoi creare anche sottocategorie.

I tag hanno lo scopo di descrivere dettagli specifici dei tuoi post. Pensa a queste come alle parole indice del tuo sito. Sono i microdati che puoi usare per micro-categorizzare i tuoi contenuti. I tag non sono gerarchici.

Ad esempio se hai un blog personale in cui scrivi della tua vita. Le tue categorie possono essere qualcosa del tipo: musica, cibo, viaggi, giochi e libri. Ora quando scrivi un post su qualcosa che hai mangiato, lo aggiungerai nella categoria Food. Puoi aggiungere tag come pizza, pasta, bistecca ecc.

Una delle maggiori differenze tra tag e categorie è che DEVI categorizzare il tuo post. Non è necessario aggiungere alcun tag. Se non classifichi il tuo post, verrà classificato nella categoria “non categorizzato”. Le persone spesso rinominano la categoria non categorizzata in qualcosa come Altro, divagazioni ecc.

Un’altra differenza è l’aspetto dell’URL della tua categoria e dei tag permalink (url). Se si utilizza una struttura permalink personalizzata (URL) , il prefisso di base avrà un aspetto diverso. Esempio:

http://yoursite.com / categoria / cibo /

vs.

http://yoursite.com / tag / food /

Qual è il numero ottimale di categorie di WordPress?

Fino a WordPress 2.5, non esisteva il supporto integrato per i tag. Ciò ha portato a elenchi di categorie molto lunghi perché le persone lo utilizzavano per definire micro-dettagli. Sono stati aggiunti tag per migliorare l’usabilità del tuo sito. Detto questo, riteniamo che non vi sia un numero ottimale specifico di categorie. Il numero ottimale varia in base alla complessità del tuo sito. Tuttavia, per motivi di struttura e usabilità, è meglio utilizzare sottocategorie e tag.

Le categorie hanno lo scopo di comprendere un gruppo di post. È sempre meglio iniziare con categorie generiche e scendere con le sottocategorie man mano che il tuo sito cresce. Dopo aver gestito più blog, abbiamo sentito che i blog si evolvono. Non è possibile trovare tutte le categorie giuste. È probabile che all’inizio, scrivi solo un post al giorno. O forse 3-5 messaggi al giorno. Avere 30 categorie principali è inutile soprattutto quando alcune di esse avranno solo uno o due post. Stai meglio con 5 categorie generiche che hanno nuovi contenuti piuttosto che 30 categorie principali in cui la maggior parte non viene aggiornata.

Diamo un’occhiata a un esempio. Supponiamo che stiamo iniziando un blog sui social media nel 2018. Vogliamo condividere esercitazioni pratiche, notizie, strumenti, case study ecc. Possiamo creare categorie principali come Twitter, Facebook, LinkedIn ecc. Come sottocategorie di ciascuno, possiamo avere strumenti, istruzioni, casi di studio, notizie ecc. Tuttavia, questa è una mentalità molto a breve termine, e incontreremo problemi in futuro. Cosa succede se una delle reti dei social media muore e una nuova entra nel gioco? Ti verrà richiesto di aggiungere ancora un’altra categoria di livello superiore e altre sottocategorie.

Un modo molto migliore di strutturare questo blog sui social media sarebbe quello di avere le migliori categorie a prova di futuro. Puoi avere le tue categorie come How-To, Notizie, Case Study, Strumenti, ecc. Ma come fanno le persone a sapere che si tratta di Twitter? Beh, le tue categorie non dovrebbero fare l’intero lavoro. È qui che entrano in gioco i tag. Supponiamo che tu abbia scritto un post su Twitter, semplicemente aggiungi il tag twitter. Nel tuo progetto basta aggiungere una sezione chiamata Argomenti popolari e controllarla manualmente con collegamenti a tag popolari come Twitter, Facebook, Google+ ecc.

Quando aggiungere le sottocategorie in WordPress?

Diciamo che pubblichi post di casi di studio in cui a volte hai intervistato un esperto per un caso di studio specifico. Poiché non esiste una categoria denominata “interviste con esperti”, la aggiungerai come tag in quel post del caso di studio. Se ti ritrovi a fare molte interviste per casi di studio e il tuo tag di interviste di esperti contiene più di 10 post e cresce costantemente, allora dovresti considerare di aggiungere interviste di esperti come sottocategoria della tua categoria principale “Case Studies”.

Sì, dovrai tornare indietro e modificare i tuoi post precedenti. Se la struttura dell’URL è / categoria / nome post /, devi assicurarti di utilizzare un plug-in di reindirizzamento . Reindirizza automaticamente i tuoi post modificati al loro nuovo URL, in modo da poter mantenere tutte le classifiche dei motori di ricerca.

Devo usare le sottocategorie in WordPress?

No certo che no. Puoi sempre lasciare tag popolari come tag. Nel nostro esempio sopra, quasi tutti i post avranno un tag per una specifica rete di social media come Twitter, Facebook, ecc. Ma non li stiamo creando come categorie. L’unico motivo per cui aggiungi sottocategorie è quello di facilitare la ricerca dei contenuti da parte dei tuoi utenti. Sei più che benvenuto semplicemente aggiungendo il tag Interviste di esperti nel tuo sito da qualche parte.

Ricorda che lo scopo delle categorie e dei tag è di facilitare la navigazione del tuo sito da parte degli utenti.

Va bene assegnare un post a più categorie in WordPress?

Potresti leggere su altri siti che l’assegnazione di post a più categorie può danneggiare il tuo SEO. Alcuni dicono che puoi essere penalizzato con contenuti duplicati a causa di ciò. Crediamo che questa affermazione non sia del tutto vera. Prima di tutto, non perderti con la SEO. Ricorda che lo scopo di ordinare i tuoi contenuti in modo efficiente è aiutare gli utenti a trovarli. Per natura della configurazione delle categorie principali, non dovresti essere in grado di classificare un post in più categorie di livello superiore. Ad esempio, se il tuo blog ha tre categorie “Pubblicità, Marketing e SEO”. I tuoi post tendono spesso a rientrare in più categorie. Forse hai bisogno di una categoria di ombrello per tutti e tre? Forse dovrebbero rientrare tutti negli affari? Oppure puoi avere una categoria chiamata Pubblicità e Marketing. Quindi avere SEO come sottocategoria per quelli.

Non ci sono vantaggi SEO per l’aggiunta di più categorie. Se ritieni che aiuti i tuoi utenti, allora sei il benvenuto ad aggiungere un post in più categorie. Tuttavia, se vedi che questo diventa un problema regolare, allora dovresti considerare di ristrutturare le tue categorie. Forse alcune delle tue categorie devono essere tag. O forse dovrebbero essere sottocategorie di una categoria principale. Si tratta principalmente di migliorare l’esperienza dell’utente.

Se sei preoccupato per la penalità della duplicazione dei contenuti, allora semplicemente disabilita l’apparire nei risultati di ricerca usando il plugin WordPress SEO by Yoast .

Se vuoi solo disabilitare categorie specifiche, puoi farlo modificando la categoria stessa. Il plug-in Yoast ha l’impostazione per sovrascrivere le impostazioni globali.

Fondamentalmente quando tu abiliti/disabiliti certe categorie, dici a Google e ad altri robot dei motori di ricerca di seguire tutti i link dei post in queste categorie, in modo che tutti i post possano essere indicizzati. Tuttavia, non indicizzare gli archivi delle categorie principali per evitare contenuti duplicati.

Risposta breve: WordPress ti consente di aggiungere un post in tutte le categorie che desideri. Sì, va bene assegnare un post in più categorie purché tu pensi che aiuti i tuoi utenti. Tuttavia, se pensi alle categorie come al Sommario del tuo blog in cui i post sono capitoli, puoi avere un capitolo in due sezioni separate? La risposta a questa domanda è NO.

Esiste un limite di tag che possiamo assegnare a ciascun post?

La risposta breve a questa domanda è NO. WordPress NON ha limiti al numero di tag che puoi assegnare a un post specifico. Se lo desideri, puoi aggiungere più di 1000 tag. Tuttavia, lo scopo dei tag è di mettere in relazione i tuoi post insieme. Pensa di nuovo ai tag come all’indice del tuo libro. Queste sono parole chiave popolari che puoi usare per mettere in relazione liberamente i tuoi post. Ciò consente agli utenti di trovare facilmente i tuoi post specialmente quando utilizzano la ricerca di WordPress. Aiuta anche se stai utilizzando l’archivio tag per gli utenti. Diciamo che non aggiungere più di 10 tag ai tuoi post a meno che tu non possa giustificarlo è un numero sensato. Ad esempio: se stai gestendo un blog di recensioni di film, puoi aggiungere più tag: nomi di attori / attrici (questo da solo può essere superiore a 10). Ma è probabile che tu possa rivedere più film che contengono Adam Sandler. Ma per altri scenari più semplici, dovresti davvero limitare la quantità di tag che usi. Altrimenti, potresti trovarti con oltre 10000+ tag con solo 300 post sul sito.

I tag funzionano come meta keywords?

Spesso le persone scambiano i tag come meta parole chiave per i tuoi blog. Questo è il motivo principale per cui provano ad aggiungere il maggior numero possibile di tag. I tag NON sono keyword per il tuo blog . Almeno non di default. Plugin popolari come WordPress SEO di Yoast ti consentono di utilizzare i valori dei tag per essere nel modello delle parole chiave meta. Ma se non hai questi plugin configurati per farlo, i tuoi tag NON funzionano come meta parole chiave.

Categorie vs tag: cosa c’è di meglio per la SEO?

La domanda più frequente che vediamo essere posta su questo argomento è: ci sono dei vantaggi SEO nell’uso delle categorie rispetto ai tag o viceversa? La semplice risposta a questa domanda è NO. NON dovresti considerare questo come categorie o tassonomie. Sono fatti per lavorare insieme. Se hai letto questo post, dovresti essere in grado di comprendere lo scopo individuale di categorie e tag, nonché il loro scopo combinato per l’usabilità del tuo sito.

Conclusione

Il tuo sito riguarda i tuoi utenti e non i robot dei motori di ricerca. L’obiettivo di ogni motore di ricerca è pensare al modo in cui gli utenti pensano quando valutano i tuoi contenuti. Se prendi le tue decisioni in base all’usabilità, ti ritroverai quasi sempre a raccogliere i benefici SEO. Categorie e tag sono solo le due tassonomie predefinite fornite con WordPress. I siti più avanzati utilizzano tassonomie personalizzate per ordinare i loro contenuti insieme a categorie e tag. Pensa al tuo blog come a un libro in continua evoluzione. Scegli saggiamente il Sommario (categorie). Assicurati che siano argomenti di ampio respiro, ma fai attenzione a non renderlo troppo vago. Usa i tag per mettere in relazione liberamente più post. Se vedi che un determinato tag sta diventando popolare, allora considera di aggiungerlo come sottocategoria. Tuttavia, se devi aggiungere il tag come sottocategoria di più categorie di livello superiore, lascialo come tag.

E’ tutto! Speriamo che questo articolo “Categorie e tag in WordPress: cosa sono e come usarli” ti abbia aiutato a eliminare ogni confusione quando si tratta dell’argomento delle categorie e tag.

Related Posts