come-migliorare-il-tasso-di-apertura-delle-email

Condividi questo contenuto!

In questa guida ti spiegheremo come migliorare il tasso di apertura delle email di marketing.

Il tuo tasso di apertura è una delle metriche di performance più importanti che puoi monitorare per l’email marketing, e non solo per vedere come ti confronti con la concorrenza.

Sebbene il click-through, l’annullamento dell’iscrizione, i reclami e gli inoltri facciano tutti la loro parte in un’efficace campagna di email marketing, nessuna di queste cose ha importanza a meno che le tue e-mail non vengano aperte in primo luogo.

Senza un buon tasso di apertura, la campagna neanche inizia. Ecco perché, in questa guida, condivideremo qual è un buon tasso di apertura delle email e come puoi migliorare il tuo.

Prima di entrare in ciò che distingue il tasso di apertura, esaminiamo brevemente come calcolare un tasso di apertura delle email.

Come calcolare il tasso di apertura delle email

Se stai utilizzando uno dei principali provider di email marketing, avranno già calcolato i tassi di apertura della posta elettronica per te.

Ma per tua informazione, il tasso di apertura delle tue email viene calcolato dividendo il numero di aperture univoche per il numero di email inviate, meno il numero di rimbalzi:

Quindi, tra le persone che hanno effettivamente ricevuto la tua email, il tuo tasso di apertura è la percentuale di persone che hanno aperto quell’email.

Ora che sai come calcolare il tuo tasso di apertura, passiamo alla domanda più importante. Qual è il tasso medio di apertura delle email che puoi aspettarti di vedere?

Qual è il tasso medio di apertura delle e-mail?

In tutti i settori, il tasso di apertura medio per il quarto trimestre del 2018 è stato del 29,4%, secondo Epsilon.

Tuttavia, quando dai un’occhiata più da vicino ai tassi di apertura per ogni settore, vedi che ci sono alcune oscillazioni piuttosto grandi a seconda del settore in cui ti trovi.

Ad esempio, Constant Contact riporta che il tasso di apertura medio per le aziende del settore dell’istruzione è del 25,54%, mentre il tasso di apertura medio nel settore del marketing / pubblicità è del 14,56%. Questa è una differenza piuttosto grande.

Per un benchmark migliore con cui misurare, probabilmente vorrai restringere il tuo ambito ai tassi di apertura medi per il tuo particolare settore.

Ecco una selezione delle percentuali medie di apertura e di clic per i clienti di Constant Contact per settore (a marzo 2019):

Queste statistiche sono un buon punto di partenza, ma ricorda che non esistono due mailing list uguali, anche nello stesso settore. Il modo in cui otterrai il massimo vantaggio dall’analisi delle statistiche di email marketing è il benchmarking e il monitoraggio dei tuoi tassi di apertura della posta elettronica e di altre statistiche.

In questo modo, sarai in grado di vedere cosa funziona (e cosa no) per la tua mailing list.

Come confrontare i tassi di apertura

Anche quando si conoscono i tassi di apertura medi per il proprio settore, non è possibile impostare un obiettivo veramente realistico per i tassi di apertura della posta elettronica senza confrontare i risultati correnti.

Segui questi 5 passaggi per confrontare i tuoi tassi di apertura della posta elettronica:

Passaggio 1: traccia i tassi di apertura degli ultimi 1-4 trimestri

La prima cosa che devi fare è tornare indietro e guardare ogni email che hai inviato negli ultimi 3-12 mesi. Traccia i tuoi tassi di apertura (e qualsiasi altra statistica che desideri monitorare, come i tassi di clic, i tassi di annullamento dell’iscrizione , i tassi di reclamo, ecc.) Per ogni singola email trasmessa che hai inviato.

Ecco un esempio di come potresti tracciare i tuoi tassi di apertura e i tassi di clic per trimestre:

Passaggio 2: stabilisci il tuo tasso di apertura medio

Ora puoi calcolare il tuo tasso di apertura medio (e le medie per altre statistiche) negli ultimi 1-4 trimestri.

Per calcolare il tuo tasso di apertura medio durante un periodo specifico, somma tutti i tuoi tassi di apertura individuali e dividi per il numero totale di e-mail inviate durante quel periodo.

Questa è la tua linea di base. Non dimenticare di stabilire anche una linea di base per le altre statistiche desiderate.

Passaggio 3: identificare i valori anomali

Quindi, dai un’occhiata a tutti i valori anomali, sia positivi che negativi.

Una determinata email ha funzionato davvero bene o davvero male? Se è così, hai una teoria sul motivo per cui ha funzionato meglio o peggio degli altri? Prendi nota di ciascuno di questi valori anomali.

Ad esempio, in questo grafico, i tassi di apertura sono migliorati in modo abbastanza coerente tranne che per Email 5, che ha subito un calo:

Vorremmo dare un’occhiata a quella particolare email per cercare di capire perché non ha funzionato come le altre.

Passaggio 4: cerca i modelli

Quindi, cerca eventuali schemi che emergono. Un particolare argomento va davvero bene o davvero male? E il tuo tempo di invio? Un’ora specifica del giorno fa meglio o peggio della media? Quali tipi di oggetto hanno avuto prestazioni migliori o peggiori?

Prendi appunti e utilizza queste informazioni per migliorare le tue campagne future.

Passaggio 5: impostare gli obiettivi

Infine, imposta un obiettivo per il tuo tasso di apertura (e tutte le altre metriche sulle prestazioni). Quanto vorresti migliorare le tue metriche rispetto alla linea di base?

Ora è un buon momento per tornare alle medie del settore e vedere a che punto sei. Non essere ossessionato da questi numeri, tuttavia. Usali per aiutarti a stabilire un obiettivo realistico per te stesso.

Motivi per cui potresti avere un tasso di apertura basso

Potresti scoprire che i tuoi tassi di apertura sono molto inferiori alla media del settore. In tal caso, potresti avere un problema che deve essere risolto. Ecco 4 motivi per cui i tassi di apertura della email di marketing potrebbero essere inferiori a quanto dovrebbero essere:

  1. Abbonati non qualificati.  Se hai acquistato una mailing list, puoi aspettarti tassi di apertura ben al di sotto della media del settore. Mai e poi mai acquistare una mailing list. Lo stesso vale per le liste che sono state acquisite senza aver adeguatamente qualificato gli abbonati.
  2. Non hai segmentato la tua lista. Se invii la stessa email a ogni singola persona del tuo elenco, non otterrai mai il tipo di coinvolgimento che stai cercando.
  3. Molti abbonati inattivi.  Se hai molte persone nella tua lista che sono inattive e non hanno interagito con le tue e-mail per molto tempo, ciò danneggerà la deliverability della tua casella di posta e le tue tariffe di apertura precipiteranno.
  4. Argomenti noiosi.  Se vuoi davvero migliorare i tuoi tassi di apertura, devi concentrarti sulla creazione di allettanti righe dell’oggetto delle e-mail.

Questi sono i motivi principali per cui potresti avere un basso tasso di apertura delle email di marketing.

Come migliorare il tasso di apertura delle email

Finora, hai appreso il tasso medio di apertura delle e-mail in tutti i settori e i tassi di apertura specifici per settore. Sai come confrontare i tuoi tassi di apertura delle email e hai anche appreso i 4 principali motivi per cui potresti avere bassi tassi di apertura delle email.

Ora esaminiamo dei modi specifici per migliorare il tasso di apertura delle email.

1. Qualifica i tuoi abbonati

Prima di chiedere a chiunque di iscriversi alla tua mailing list, assicurati di qualificarlo con un lead magnet pertinente . Non cercare di attirare tutti alla tua mailing list.

Ad esempio, evita di utilizzare omaggi che la maggior parte delle persone vorrebbe, come un omaggio per iPad. Invece, dai via qualcosa che solo i tuoi clienti target vorrebbero, come un campione gratuito del tuo prodotto.

Il tuo obiettivo è una mailing list impegnata piena di lead di qualità. Una piccola lista che sia coinvolta e interessata è molto meglio di una grande lista che non si preoccupa di te o di ciò che offri.

2. Segmenta il tuo elenco

La maggior parte delle persone trasmette tutte le proprie e-mail a tutti i propri iscritti. Questo è un modo pigro per fare email marketing e non funziona bene.

Per assicurarti che le tue e-mail vengano effettivamente aperte, segmenta la tua lista in base agli interessi, alla cronologia degli acquisti, alla posizione, ecc. In questo modo, i tuoi iscritti saranno più interessati alle e-mail che invii loro e saranno più coinvolti con la tua lista e-mail.

In effetti, le campagne email segmentate hanno un rendimento superiore del 14,31% rispetto alle campagne non segmentate.

3. Perfeziona il tuo tempismo

Inviare le tue e-mail al momento giusto è molto importante per aumentare i tuoi tassi di apertura.

In generale, il momento migliore per l’apertura delle e-mail è il pomeriggio. Naturalmente, ti consigliamo di studiare le tue statistiche per vedere quando i tuoi iscritti sono più attivi.

4. Usa sia le linee tematiche dirette che quelle di curiosità

In una riga dell’oggetto con stile diretto, dici esattamente all’abbonato cosa aspettarsi nell’e-mail e lo aprono perché è qualcosa che vogliono davvero. Ad esempio, “Come ottenere 1000 abbonati in 7 giorni” è una riga dell’oggetto diretta.

Un oggetto con stile di curiosità , invece, invoglia le persone ad aprire perché sono curiose di sapere cosa c’è dentro l’email. Ad esempio, “Non posso credere che sia appena successo …” è un oggetto di curiosità.

Dovresti utilizzare entrambi i tipi di oggetto nelle tue campagne di email marketing. In questo modo, mantieni le cose interessanti per i tuoi iscritti e sarà più probabile che aprano le email.

5. Ripulisci gli abbonati inattivi

Come abbiamo detto sopra, se hai molti abbonati inattivi nella tua lista, la tua deliverability ne risentirà. Non aver paura di rimuovere gli abbonati inattivi dalla tua mailing list.

Se un abbonato non ha interagito con nessuna delle tue e-mail negli ultimi 6 mesi circa, invia una campagna e-mail di recupero per tentare di coinvolgerlo nuovamente. Se non si impegnano nuovamente con te, dovrai annullare l’iscrizione o spostare la loro e-mail in un altro elenco che invii solo in rare occasioni.

Se scopri di avere molti abbonati inattivi o tu stesso non hai inviato email da molto tempo ai tuoi iscritti, dovresti probabilmente fare un ulteriore passo avanti e utilizzare un servizio di pulizia della mailing list come BriteVerify o TowerData.

6. Ottimizza le righe dell’oggetto per i dispositivi mobili

Sapevi che quasi il 70% delle tue email si aprono da mobile? (ovviamente a seconda del pubblico di destinazione, del prodotto e del tipo di email).

Per assicurarti che le tue e-mail vengano aperte sui dispositivi mobili, mantieni le righe dell’oggetto e-mail brevi. 6-10 parole o 25 caratteri. In questo modo, anche le persone sui dispositivi mobili saranno in grado di leggerli.

Dovresti anche ricontrollare come appariranno le tue righe dell’oggetto sul cellulare prima di inviare l’email. Zurb ha uno strumento gratuito davvero eccezionale chiamato TestSubject che puoi utilizzare per vedere esattamente come appariranno i tuoi oggetti su vari dispositivi.

7. Supera i filtri antispam

Evita parole chiave e frasi spesso associate allo spam. Non usare mai TUTTO MAIUSCOLO (l’equivalente di urlare tramite e-mail) o un numero eccessivo di punti esclamativi. Se noti che una particolare campagna email ha una frequenza di rimbalzo insolitamente alta, controlla i record di rimbalzo, potrebbero fornire informazioni sul motivo per cui la tua email è stata catturata nello spam.

8. Utilizzare in modo efficace il campo Da

Se un lettore non riconosce il mittente di un’e-mail, è molto più probabile che lo elimini o addirittura prema il temuto pulsante “Segnala come spam”. Quindi assicurati di utilizzare il tuo nome individuale o il nome del tuo marchio nel campo Da anziché solo il tuo indirizzo email.

E’ tutto. Speriamo che questa guida ti abbia aiutato a capire come calcolare, valutare e  migliorare il tasso di apertura delle email di marketing. Potrebbe interessarti anche la nostra guida completa all’email marketing.

Dichiarazione sulla trasparenza: il contenuto di B-Fast è supportato dal lettore, il che significa che se fai clic su alcuni dei collegamenti in questo post, potremmo guadagnare una piccola tassa di riferimento. Tieni presente che raccomandiamo solo prodotti che utilizziamo noi stessi e / o che riteniamo possano aggiungere valore ai nostri lettori.

Condividi questo contenuto!

Related Posts