guida-email-marketing-definitiva

Condividi questo contenuto!

In questa guida email marketing definitiva, ti spiegheremo come fare email marketing guidandoti attraverso l’intero processo di impostazione della canalizzazione di email marketing in modo da poter acquisire lead (contatti) e generare vendite, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

L’email marketing esiste da sempre e per buoni motivi. È il modo più diretto ed efficace per connettersi con i tuoi lead (contatti), nutrirli e trasformarli in clienti quindi non potevamo non scrivere una guida email marketing completa sull’argomento.

Cos’è l’email marketing?

L’email marketing è la strategia di marketing digitale altamente efficace per inviare e-mail a potenziali clienti e clienti acquisiti. E-mail di marketing efficaci trasformano i potenziali clienti in clienti e trasformano gli acquirenti occasionali in fan fedeli e entusiasti.

Questa guida email marketing è per coloro che sono pronti a impegnarsi nell’email marketing. Se non sei sicuro, potresti voler leggere la nostra guida sul perché è importante creare una mailing list per il tuo business.

Questa è una guida email marketing lunga e dettagliata, quindi l’abbiamo suddivisa in diverse sezioni che puoi usare usando i collegamenti nel Sommario di seguito.

Usando questa guida email marketing definitiva, saprai:

  1. Come creare una mailing list (elenco di email) piena di clienti target.
  2. Come ottimizzare le tue e-mail per avere più alte percentuali di apertura e percentuali di clic (CTR).
  3. Come automatizzare il processo di crescita dei lead e trasformare i potenziali clienti in clienti.

Passiamo quindi alla guida email marketing più completa che tu possa trovare nel web.

Sommario Guida Email Marketing

L’importanza dell’email marketing

Abbiamo affrontato la domanda più grande, che cos’è l’email marketing, ma non abbiamo capito perché l’email marketing è così importante per la tua attività. Parliamone adesso.

Nonostante l’ascesa dei social media e delle e-mail indesiderate di spam (che non è mai una buona strategia di marketing , tra l’altro), l’e-mail rimane il modo più efficace per alimentare i lead e trasformarli in clienti.

Ci sono molti motivi per cui dovresti fare dell’email marketing una delle tue priorità principali, ma qui ci sono le prime 3:

1. L’email è il canale di comunicazione n. 1. Sapevi che almeno il 99% dei consumatori controlla quotidianamente la propria e-mail? Non si può dire di nessun altro canale di comunicazione.

2. Possiedi la tua lista. Su qualsiasi piattaforma di social media, il tuo account (insieme a tutti i tuoi fan e post) potrebbe essere sospeso o eliminato in qualsiasi momento, per qualsiasi motivo, senza preavviso. Tuttavia, possiedi la tua mailing list (lista e-mail). Nessuno può togliertela.

3. L’email si converte meglio. Le persone che acquistano prodotti commercializzati tramite e-mail spendono il 138% in più rispetto a coloro che non ricevono offerte e-mail. Infatti, l’ email marketing ha un ROI (utile sul capitale investito) del 4400% . È enorme! E se ti stai chiedendo se i social media convertono ancora meglio, ripensaci: il valore medio dell’ordine di un’e-mail è almeno tre volte superiore a quello dei social media.

L’e-mail è semplicemente il modo migliore per effettuare vendite online.

Come fare email marketing

Ti chiedi come iniziare con l’email marketing? L’email marketing è composto da diversi tasselli in trasformazione continua, ma ciò non significa che debba essere complicato.

Inizia con il tuo elenco email.
OptinMonster ha reso semplicissimo iniziare subito a raccogliere lead, anche senza un servizio di email marketing, con l’ integrazione di Monster Leads (se hai un account OptinMonster lo potrai integrare facilmente).
Con Monster Leads, puoi iniziare a creare la tua mailing list e persino a raggiungere i lead, mantenendo i lead archiviati in modo sicuro nella dashboard di OptinMonster.

Aggiungi un fornitore di servizi di posta elettronica.
Ce ne sono molti là fuori, ma elimineremo le congetture e renderemo davvero facile scegliere quello giusto per te e per i tuoi obiettivi.

Dopo questi due passaggi, è solo questione di perfezionare le tue liste email e i tuoi messaggi in modo da raggiungere il tuo pubblico e collegarti davvero con loro. Inoltre, sarai in grado di impostare un po ‘di automazione nel tuo servizio di posta elettronica che renderà le cose molto più facili per te.

Come far Crescere la tua mailing list

Quello che la maggior parte delle persone fa quando vuole creare una mailing list è mettere un modulo optin sul proprio sito Web e sperare che le persone si iscrivano. Sfortunatamente, questa strategia di solito non funziona molto bene.

Per ampliare la tua mailing list, devi attirare persone con un’offerta convincente. Hai bisogno di un cosiddetto lead magnet (tradotto=una calamita).

lead-magnets

Che cos’è un lead magnet?

Un lead magnet è qualcosa di regalato gratuitamente in cambio di un indirizzo email. Non deve costarti nulla per crearlo; la maggior parte dei lead magnet sono materiali digitali come PDF, file audio MP3 o video che puoi creare da solo a costi minimi o nulli.

Può essere assolutamente tutto ciò che desideri, purché offra valore gratuito ai tuoi visitatori.

Alcuni esempi popolari di lead magnet sono:

  • ebooks
  • Un cheat sheet di suggerimenti o risorse
  • White paper o casi di studio
  • Un webinar
  • Prove o campioni gratuiti
  • Un preventivo o una consulenza gratuiti
  • Quiz o un’autovalutazione
  • Un coupon

Le possibilità sono infinite!

Cosa rende buono un lead magnet?

Sai già che un lead magnet deve fornire valore gratuitamente. Ma se vuoi che il tuo lead magnet sia altamente efficace, ecco 5 criteri da considerare :

1. Facilmente consumabili: i  lead magnet sono efficaci solo quando il pubblico li utilizza, quindi se offri un manifesto di 300 pagine, non otterrai trazione.

2. Funzionali: i  lead magnet devono fornire uno strumento utilizzabile, uno skillset o informazioni utili che il tuo pubblico possa applicare.

3. Creare un notevole miglioramento: le  persone continuano ad acquistare prodotti e servizi se funzionano bene. Il tuo lead magnet avrà successo se è prezioso quanto i tuoi prodotti e servizi.

4. Rilevante:  se hai studiato a fondo i problemi dei tuoi potenziali clienti, non avrai problemi a trovare un argomento con lead magnet che risolva questi problemi.

5. Immediatamente disponibile: le persone amano la gratificazione istantanea, quindi daglielo subito. Dai un’occhiata a  4 modi per fornire un lead magnet per vedere com’è facile consegnare il tuo lead magnet usando OptinMonster.

Ora che sai cos’è un lead magnet e come crearne uno altamente efficace, dovrai creare il tuo modulo optin .

Come creare un modulo Optin che converte

In una guida email marketing non può mancare una sezione dedicata al modulo optin per far iscrivere i visitatori del tuo sito. Lo scopo del tuo modulo optin è quello di trasmettere il grande vantaggio del tuo lead magnet, in modo da far iscrivire i visitatori del tuo sito web alle newsletter via email in cambio del lead magnet appunto.

Per creare un modulo optin che converte, è necessario seguire delle indicazioni base:

1. Titolo accattivante:  assicurati che il titolo descriva chiaramente il grande vantaggio del tuo lead magnet

2. Descrizione utile: la tua descrizione è breve, chiara e precisa? Usa i punti elenco per aiutare l’occhio del lettore a scansionare rapidamente ciò che otterrà.

3. Grafica accattivante: se possibile,  includi un’immagine del lead magnet (come un modello del tuo eBook). Anche una foto di una persona che guarda verso il modulo optin è un ottimo modo per aumentare le conversioni.

4. Modulo semplice:  non provare a chiedere più di un nome e un indirizzo e-mail. Chiedere troppe informazioni troppo presto stroncherà le tue conversioni.

5. Pulsante di iscrizione convincente:  assicurati di utilizzare un colore contrastante per il pulsante di iscrizione , in modo che venga ben visualizzato sulla pagina. Inoltre, utilizza un testo pulsante non generico che costringa le persone a fare clic immediatamente (” Inviami i 7 passaggi! “).

Dopo aver creato il modulo di optin, dovrai installarlo sul tuo sito. Ci sono 14 posti ad alta conversione in cui inserire il tuo modulo optin :

  • Pagina iniziale
  • Pagina di benvenuto (Fullscreen Welcome Page)
  • Floating Bar
  • header del tuo sito
  • Pagina di archivio del blog
  • Nei post del tuo blog
  • La tua barra laterale (sidebar)
  • In un popup lightbox a tempo (che si apre dopo tot secondi)
  • In una casella di scorrimento
  • Il tuo footer
  • La tua pagina Informazioni
  • Pagine delle risorse
  • Su una pagina di iscrizione designata
  • In un popup exit-intent® (si apre quando l’utente sta per lasciare il sito)

Uno di questi è assolutamente obbligatorio se si desidera ottenere il maggior numero possibile di abbonati. Questo è il popup exit-intent® .

Un popup di exit-intent® viene visualizzato nel momento esatto in cui l’utente sta per abbandonare il sito Web. Questo popup non interrompe l’esperienza di lettura e si attiva solo quando l’utente se ne sta andando via. Questo è il momento perfetto per chiedere loro di iscriversi perché probabilmente hanno letto i tuoi contenuti e hanno trovato utile il tuo sito.

Scegliere un servizio di email marketing

Prima di poter inviare un’e-mail a chiunque, è necessario il suo permesso. Se hai iniziato con un optin, hai ottenuto quell’autorizzazione, quindi va bene! Questo è ciò che rende grande l’email marketing opt-in. Se non hai utilizzato optin, usa estrema cautela .

Mentre l’acquisto di elenchi di posta elettronica può sembrare un ottimo metodo, non lo è. E non lo consigliamo.

Non consigliamo inoltre di aggiungere e-mail dai biglietti da visita delle persone raccolti durante le conferenze. A meno che tu non abbia il permesso esplicito di inviare loro le tue newsletter, le tue e-mail sono spam. E non serve comunque alla tua attività.

Le persone che non aderiscono specificamente alla tua lista e-mail non sono le persone che compreranno da te . Inviare loro qualsiasi cosa sarebbe una completa perdita di tempo e denaro.

Quello che ti serve per iniziare nel modo giusto è 1) un modulo optin e 2) un servizio di email marketing opt-in.

OptinMonster ti aiuta a creare moduli optin intelligenti con split test A / B incorporati senza assumere uno sviluppatore. Questo, e insieme a molte altre ragioni, rende OptinMonster uno dei migliori plugin di WordPress per generare lead. Puoi creare rapidamente e facilmente moduli di optin dinamici, mirati e personalizzati che possono essere incorporati sul tuo sito ovunque tu voglia.

Hai anche la possibilità di farli apparire in determinati momenti a persone specifiche che navigano nel tuo sito per massimizzare le tue conversioni. Parleremo di più su come creare moduli optin ad alta conversione nella prossima sezione .

In una guida email marketing non possono mancare dei consigli sui migliori servizi per inviare e-mail e fare email marketing, quindi leggi il nostro articolo su alcuni dei principali provider di posta elettronica per fare email marketing che consigliamo.

Una volta che hai il tuo modulo optin e il tuo servizio di email marketing, sei pronto per iniziare a costruire la tua lista di email e fare vendite!

Fare Email Marketing personalizzato grazie alla segmentazione dell’elenco email

In questa parte della nostra guida email marketing definitiva tratteremo il concetto della segmentazione dei contatti.

La maggior parte degli esperti di marketing ti dirà di creare un elenco di email. Ma ciò che non ti dicono è che la tua lista e-mail non sarà efficace senza una corretta segmentazione.

Che cos’è la segmentazione dell’elenco email?

La segmentazione dell’elenco e-mail è il processo di suddivisione degli abbonati in gruppi più piccoli in base a criteri specifici in modo da poter inviare loro e-mail più personalizzate e pertinenti.

La segmentazione consente di inviare determinate e-mail solo agli abbonati che ritieni siano i più interessati a tali contenuti, con conseguenti conversioni più elevate.

Perché segmentare la tua mailing list?

È stato dimostrato che la segmentazione della mailing list aumenta le percentuali di apertura della posta elettronica inviata , aumenta le percentuali di clic e diminuisce le percentuali di annullamento dell’iscrizione. Ecco perché gli esperti di marketing utilizzano la segmentazione per migliorare drasticamente l’efficacia delle loro campagne e-mail.

Dopo aver “taggato” i tuoi abbonati in diversi segmenti, sarai in grado di inviare autorisponder davvero potenti, cioè una serie di e-mail che vengono inviate automaticamente in base a determinate condizioni, che puoi utilizzare per coltivare i tuoi contatti e fare vendite. Parleremo di più degli autorisponder nella sezione sull’automazione nel proseguio della nostra guida email marketing.

I segmenti, inoltre, renderanno molto più facile sapere quali messaggi scrivere per attirare gli utenti ad aprire e interagire con le tue campagne e-mail.

Un primo metodo di segmentazione dovrebbe essere innanzitutto quello in base al metodo di iscrizione dell’utente alla tua mailing list.

Hanno acquistato un prodotto? Visitato una pagina specifica? Scaricato un lead magnet specifico ?

Esistono diversi modi per dividere e tagliare l’elenco in segmenti. Ecco alcuni modi per iniziare:

  • Nuovi abbonati:  invia ai nuovi abbonati un’email di benvenuto o una serie di benvenuto.
  • Preferenze:  abbonati che desiderano conoscere i post del blog rispetto a coloro che desiderano solo notifiche di vendita.
  • Interessi:  abbonati a cui piace la musica classica rispetto a quelli a cui piace il pop.
  • Posizione:  avvisa gli abbonati che vivono nell’area del tuo evento locale .
  • Open rate o coinvolgimento:  premia i tuoi abbonati più coinvolti con un’offerta speciale solo per loro.
  • Inattività:  ricorda agli abbonati che non si sono impegnati per un po’ del prossimo passo che vuoi che facciano.
  • Lead magnet: invia e-mail mirate in base all’argomento del lead magnet a cui hanno aderito.
  • Abbandono del carrello: ricorda agli abbonati che hanno inserito articoli nel carrello che non hanno ancora fatto il checkout di quei prodotti.

Queste sono solo alcuni modi per segmentare la tua mailing list. Ma ci sono mille altri modi che puoi trovare per suddividere i tuoi abbonati.

Come migliorare il tasso di apertura (Open Rates) delle tue email

Questa sezione della nostra guida email marketing è estremamente importante perché anche con tutto il duro lavoro che hai fatto per ampliare la tua lista e-mail e segmentarla, non ne trarrai alcun vantaggio a meno che le tue e-mail non vengano effettivamente aperte.

Esistono diversi fattori che influiscono sull’apertura delle email. Esploriamo ciascuno di essi.

1. Evita i filtri antispam

Probabilmente il problema più ovvio è quando la tua e-mail viene inviata alla cartella spam dell’abbonato. Se hai già ottenuto il permesso di inviare e-mail dall’utente e hai scelto uno dei nostri fornitori di e-mail marketing consigliati , sei partito alla grande.

Ecco alcune best practice per impedire alle e-mail di cadere nelle cartelle spam :

  • Assicurati che tutti i destinatari abbiano effettivamente aderito alla ricezione delle tue e-mail. Sul serio. Non possiamo non sottolineare abbastanza questo punto.
  • Invia la tua campagna e-mail da un buon indirizzo IP. Questo è un indirizzo IP che non è stato utilizzato da qualcun altro che ha inviato spam in passato.
  • Invia e-mail attraverso domini verificati.
  • Mantieni pulito il codice del tuo modello di email.
  • Utilizza i tag di unione per personalizzare il campo “A:” della tua campagna e-mail.
  • Chiedi agli abbonati (e magari anche spiegagli se possibile) come autorizzare le tue e-mail e chiedi loro di aggiungerti alla loro rubrica.
  • Evitare un uso eccessivo del linguaggio “salesy (da venditore)” (si tratta di parole che attivano lo spam come “buy (compra)”, “discount (sconto)” o “cash (soldi)”).
  • Non usare linee di soggetto ingannevoli, come titoli clickbait (titoli esagerati cosiddetti acchiappaclick).
  • Includi la tua posizione.
  • Includere un modo semplice per gli abbonati di annullare la propria e-mail.

Quasi tutto questo si può gestire facilmente quando si sceglie un servizio di email marketing affidabile .

2. Rimuovere gli abbonati inattivi per mantenere aggiornato l’elenco

È importante inviare e-mail ai tuoi abbonati in modo costante, in modo da non far diventare l’elenco obsoleto. In ogni caso, col passare del tempo, alcuni abbonati e-mail diventeranno inutili/inattivi/inesistenti.

Alcune persone potrebbero aver modificato gli account di posta elettronica o forse non sono più interessati al tuo marchio.

Quindi, per mantenere la tua lista aggiornata e piena di abbonati coinvolti, è una buona idea rimuovere periodicamente gli abbonati inattivi . Un abbonato inattivo potrebbe essere chiunque non abbia interagito con e-mail negli ultimi 6 mesi o più.

Ma prima di sbarazzartene, prova a inviare un’altra campagna e-mail mirata per provare a coinvolgere nuovamente i tuoi abbonati inattivi. Ad esempio, Carol Tice invia un’e-mail di ultimo tentativo ai suoi abbonati inattivi che dice: ” Ti annoio? “E chiede se vogliono ancora rimanere iscritti. Alcune persone rispondono, ma tutte le altre vengono eliminate.

Un altro modo per mantenere aggiornato il tuo elenco consiste nel verificare i tuoi abbonati una volta ogni tanto chiedendo loro se desiderano aggiornare le loro informazioni e le loro preferenze. In questo modo, viene loro ricordato che possono prendere il controllo quando e come vogliono per interagire con te.

3. Perfeziona il tuo tempismo

Il tempismo può avere un enorme effetto sull’apertura e sul clic delle e-mail dei tuoi iscritti, quindi rifletti attentamente sull’ora e il giorno in cui invii le e-mail.

Non sarai in grado di capire immediatamente il momento perfetto, ma esegui alcuni test A / B per identificare quali tempi sembrano fare meglio ed esplorare quelli nelle campagne future.

Se ti stai chiedendo se qualcun altro ha già fatto alcuni test di cui puoi beneficiare per scegliere il momento migliore di invio, la risposta è Sì!

In uno studio di GetResponse, hanno scoperto che i martedì hanno le più alte percentuali di apertura e di clic:

Tuttavia, uno studio di Yes Marketing si vede che le differenze di apertura in base al giorno della settimana sono marginali, ma si è scoperto che il sabato è il giorno migliore per le conversioni:

Chiaramente questi sono studi generali e molto può dipendere dallo specifico settore di cui ti occupi.

La linea di fondo sull’ora di invio dell’email è questa: immagina un giorno qualsiasi nella vita del tuo pubblico specifico. Cosa stanno facendo la mattina, il pomeriggio e la sera? Com’è la loro giornata lavorativa? Fino a che ora stanno svegli la notte? Quanto presto si alzano al mattino?

Tutte queste domande ti aiuteranno a decidere il momento migliore per inviare le tue e-mail .

4. Fai risaltare la tua linea tematica

Quando si tratta di e-mail aperte e percentuali di clic, le righe dell’oggetto (il titolo) della tua email sono tutto . Il tuo compito è quello di far risaltare le tue linee tematiche.

Ecco alcuni suggerimenti per creare linee di oggetto creative:

  • Attira la curiosità , ma non essere troppo intelligente. Vuoi renderli abbastanza curiosi da aprire e fare clic, ma senza essere così criptici che l’abbonato non ha idea di cosa stai parlando.
  • Includi numeri. C’è qualcosa nei numeri che attira l’attenzione.
  • Usa un tono amichevole e colloquiale.
  • Parla nella lingua e nello stile che i tuoi abbonati usano loro stessi, soprattutto quando parlano con i loro amici.

5. Scrivi a una sola persona

Quando si redige l’oggetto e il contenuto del messaggio, è naturale pensare alle migliaia di persone che stanno per riceverlo.

Tuttavia, è molto più efficace scrivere come se si stesse parlando a una singola persona, con un soggetto personale e un messaggio personalizzato.

Per scrivere in questo modo, dovrai conoscere davvero il tuo acquirente . Devi capire i loro problemi, i loro desideri, i loro valori, i loro gusti e le loro antipatie.

In caso di problemi, puoi inviare un’e-mail in cui si richiede una rapida chat di cinque minuti. Durante la chiamata, puoi porre domande che ti aiuteranno a capire quali sono le esigenze dei tuoi abbonati e come pensano .

Trascorrere un giorno o due a parlare con i tuoi abbonati sarà tempo ben speso perché ti aiuterà tanto: non solo con la tua messaggistica ma anche con la creazione o il miglioramento dei tuoi prodotti e servizi.

6. Scrivi come un amico

Quando scrivi le tue e-mail, metti da parte il cappello aziendale e scrivi come un amico. Questo è l’unico modo per attirare davvero i tuoi abbonati e fargli aprire e fare clic sulle tue e-mail.

Ad esempio, una frase aziendale come “Stiamo offrendo risparmi ai nostri clienti!” viene recepita come lontana e soffocante.

Un’alternativa più amichevole potrebbe essere qualcosa del tipo, “devi dare un’occhiata a quest’offerta …”

Ciò rende l’e-mail molto più personale e rende meno probabile che i destinatari eliminino semplicemente il tuo messaggio.

Ricorda: in questa era di informazioni, tutti cercano un motivo per ignorare le tue e-mail. Non stanno cercando un motivo per leggerli. Ma se fai appello a loro a livello personale, avrai maggiori possibilità che aprano quell’e-mail.

7. Scrivi contenuti incredibili, ogni volta

Potresti pensare che quando un abbonato apre la tua e-mail, hai essenzialmente vinto la battaglia. Tuttavia, anche il contenuto effettivo della tua e-mail gioca un ruolo importante nella tua percentuale di apertura.

Ecco perché se i tuoi abbonati sono soddisfatti dei tuoi contenuti, è più probabile che aprano le tue e-mail anche in futuro. Potrebbero persino iniziare ad aspettare con impazienza le tue e-mail. Al contrario, se un abbonato è scontento di ciò che ha ricevuto nella tua e-mail, probabilmente non aprirà di nuovo le tue e-mail e potrebbe anche annullare l’iscrizione.

Quindi, come fai ad assicurarti che i tuoi abbonati siano soddisfatti dei tuoi contenuti e-mail? Semplice: rendili fantastici.

Inserisci link a risorse preziose, come un eBook gratuito, un post sul blog epico o un webinar .

La chiave è assicurarsi di non inviare e-mail solo per inviare e-mail. Ogni volta che invii un’email alla tua lista, devi fornire qualcosa di reale valore. Maggiore è il valore di ogni e-mail che scrivi, più fedeli diventeranno i tuoi abbonati e le tue percentuali di apertura aumenteranno.

8. Iniettare un po ‘di umorismo

L’umorismo ha un modo per stabilire una connessione forte e istantanea con le persone. È personale, divertente e spicca nelle menti delle persone.

E se non fossi una persona molto divertente? Non è sempre facile essere intelligenti o divertenti e cercare di adattare il tuo tentativo agli stretti vincoli di un oggetto dell’e-mail? Questo può essere super complicato.

Per fortuna, non devi essere un comico per riuscire a scrivere un’e-mail divertente. È più importante conoscere davvero i destinatari e a cosa risponderanno. Se conosci le loro simpatie e antipatie, sarà molto più facile fare una battuta o fare un commento ironico.

Ecco un esempio di un’e-mail divertente che viene inviata agli abbonati che sono inattivi da un po ‘.

Ehi [nome] , ho provato a contattarti riguardo a [ proposta di valore ] e non ho avuto risposta. Fammi sapere se:

  1. Sei pronto e dovrei smettere di disturbarti.
  2. Sei interessato ma non hai ancora risposto.
  3. Dovrei riscriverti tra tre mesi.
  4. Sei inseguito da un ippopotamo e hai bisogno che io chiami Animal Control.

Puoi anche inserire divertenti GIF animate nelle tue e-mail o un video divertente. Ancora una volta, non devi essere un comico per aggiungere umorismo e personalità alle tue e-mail, devi solo pensare fuori dagli schemi.

9. Ottimizza per dispositivi mobile

Gli account e-mail mobile vengono usate per il 67% di tutte le e-mail che si aprono, a seconda del pubblico di destinazione, del prodotto e del tipo di e-mail. Semplicemente non puoi permetterti di ignorare i tuoi utenti mobile, devi fare appello a loro.

Assicurati che la tua e-mail sia responsive e includa supporti facilmente caricabili. Considera anche il fatto che gli schermi mobile sono più piccoli, quindi le linee soggetto lunghe potrebbero essere tagliate sui dispositivi mobili.

Ecco alcuni altri suggerimenti per attirare gli utenti di dispositivi mobili:

  • Mantieni la formattazione semplice (colonna singola), con larghezza inferiore a 600 px.
  • Usa un carattere più grande. I caratteri piccoli sono difficili da leggere sul cellulare.
  • Non dare per scontato che le immagini vengano visualizzate (Android disattiva le immagini per impostazione predefinita). Assicurati che la mail vada bene anche senza di loro.
  • Usa immagini più piccole per ridurre i tempi di caricamento.
  • Utilizzare un pulsante di invito all’azione di grandi dimensioni. I pulsanti più grandi sono più facili da toccare con il pollice.
  • Non posizionare due collegamenti uno accanto all’altro o uno sopra l’altro. In questo modo, l’utente non toccherà per sbaglio quello sbagliato.

Tutti questi suggerimenti possono aiutare qualsiasi campagna a ottenere tassi di apertura migliori, ma non scoraggiarti se non vedi subito un’inversione di tendenza.

Fare email marketing è un’arte e una scienza, quindi concediti un po’ di spazio per sperimentare e scoprire quali tattiche funzionano meglio per la tua azienda e i tuoi abbonati.

Automatizzare l’email marketing con gli Autoresponders 

Congratulazioni per essere arrivato alla quinta ed ultima sezione di questa guida email marketing definitiva.

Se hai seguito dall’inizio questa guida email marketing, ora hai imparato come far crescere la tua mailing list, hai segmentato la tua lista email in modo che le tue e-mail siano altamente pertinenti per ogni singolo abbonato e hai imparato come inviare e-mail efficaci con un alto tasso di apertura.

Ora sei pronto per automatizzare il processo e trasformare le tue campagne in macchine per fare soldi.

Le serie di email auroresponder (dette Autoresponders Series) sono probabilmente lo strumento più potente dell’email marketing online per fare vendite. Ti aiuta a coinvolgere con successo la tua lista e-mail, costruire relazioni e trasformare i potenziali clienti in acquirenti.

La parte migliore è che, una volta creato, il lavoro è fatto, quindi puoi concentrarti sugli aspetti importanti della tua attività.

Cos’è un autoresponder?

Un autoresponder (o autorisponditore) è una sequenza di e-mail che vengono inviate automaticamente a un segmento di persone nella tua lista e-mail e viene attivata da un evento specifico, come unirsi alla tua lista, un determinato comportamento di navigazione, abbandono del carrello , scaricare un PDF o acquistare un prodotto .

Il contenuto di una serie di autoresponder via e-mail viene creato in anticipo e impostato per l’invio al momento opportuno con l’aiuto del software di email marketing.

Ogni business online ha bisogno di una serie di autoresponder per due motivi principali:

1. Nutrono i tuoi contatti fornendo preziose informazioni e approfondimenti, oltre a insegnare loro come prendere decisioni migliori attraverso un processo di onboarding automatizzato .

2. Trasformano i potenziali clienti in veri clienti , aiutandoti a costruire un’immagine della tua azienda “conosciuta, apprezzata e fidata” prima che tu chieda all’utente di comprare. Quindi puoi fare il tuo passo nel miglior momento possibile, e puoi farlo senza essere eccessivamente invadente.

Quindi, come si crea una serie di autoresponder altamente efficace? Ci sono 4 passaggi di base:

1. scegli un obiettivo per il tuo autorisponditore

Ci sono molti obiettivi diversi che potresti avere per il tuo autoresponder, ma qui ci sono i 4 più comuni. Scegli uno (o una combinazione) dei seguenti obiettivi per le tue serie di autoresponder prima di crearlo.

  • Invia ai nuovi iscritti una sequenza di “benvenuto”. Questo è il messaggio che invii alle persone subito dopo la loro iscrizione alla tua lista e-mail. Potrebbe contenere un link al tuo lead magnet per un facile download, un ringraziamento per l’iscrizione o forse un invito all’azione per controllare i tuoi post del blog più popolari. Ogni mailing list ha bisogno di una serie di email di benvenuto : non perdere questa occasione per “corteggiare” i tuoi nuovi abbonati e trasformarli in fan affezionati.
  • Usalo come lead magnet / mini-corso gratuito. Puoi anche utilizzare un autoresponder come lead magnet per attirare nuovi abbonati alla tua lista e-mail. Questo è comunemente fatto sotto forma di un “mini-corso” gratuito, che promette di fornire una serie di e-mail contenenti lezioni (o altre informazioni preziose) nel corso di diversi giorni o settimane. C’è un alto valore percepito con un mini-corso, che lo rende un lead magnet molto efficace. Consulta la nostra guida sui migliori plug-in LMS per WordPress  per offrire il tuo corso.
  • Fai vendite con l’autoresponder. La creazione di una canalizzazione di vendita da una sequenza di risposta automatica via e-mail è una strategia ampiamente adottata utilizzata dagli esperti di marketing delle informazioni, ma può anche essere utilizzata da società di software, aziende di e-commerce e fornitori di servizi. Ad esempio, potrebbe consistere in una serie di video educativi, un video di vendita e follow-up per vendere i tuoi prodotti informativi. In alternativa, è possibile creare una sequenza di e-mail educative gratuite e quindi invitare a un webinar dal vivo o registrato in cui si fa un’offerta. Per le attività di e-commerce, la sequenza delle vendite potrebbe includere offerte promozionali per i prodotti che il tuo abbonato ha appena visualizzato sul tuo sito web.
  • Promuovere up-sell / cross-sell. Puoi persino impostare una sequenza di risposta automatica per qualcuno dopo che ha acquistato e ottenere clienti abituali. A seconda dei prodotti che vendi, potresti offrire un upsell (un aggiunta di valore al prodotto comprato) o prodotti cross-sell (prodotti correlati). Ad esempio, se qualcuno acquista una fotocamera digitale, puoi offrirti di aggiungere un obiettivo, un treppiede e altri accessori al suo ordine prima della spedizione. Oppure, se vendi prodotti che le persone acquistano frequentemente (come cibo o articoli usa e getta, come pannolini), puoi inviare automaticamente offerte per nuovi articoli quando sai che sono in scadenza per un altro ordine.

2. Mappare l’intera sequenza e-mail

In questo passaggio, verrà disegnato un contorno per la sequenza. Ma prima, devi capire quanto vuoi che sia lunga la sequenza. Quanti giorni? Quante email?

Non esiste una regola universale per quanto riguarda esattamente quante e-mail devi avere nella sequenza e-mail autoresponder. La sequenza dovrebbe essere abbastanza lunga da aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi, né più né meno. Quindi la sua lunghezza dovrebbe essere determinata dal suo scopo, i tuoi segmenti, le preferenze degli iscritti, ecc.

Successivamente, dovrai capire ogni quanto tempo ogni email verrà inviata.

Va bene inviare una e-mail una volta ogni due giorni per e-mail educative e tre o quattro e-mail in un solo giorno quando si esegue una grande vendita che sta per finire. Dipende interamente dall’obiettivo della sequenza (che hai scelto nel passaggio 1).

Devi trovare un giusto equilibrio tra le tue email di “valore” e le tue email di “offerta” (vendite).

Il numero esatto di e-mail inviate non ha importanza purché invii più e-mail di valore rispetto alle e-mail di vendita . Questo ti aiuta a evitare che la tua lista si esaurisca.

Per semplificare le cose, puoi usare la regola 80/20: l’80% delle tue e-mail dovrebbe dare valore, mentre solo il 20% delle tue e-mail riguarda la vendita.

Successivamente, scrivi uno schema della sequenza dall’inizio alla fine, descrivendo quali argomenti verranno trattati da ciascuna e-mail e l’ invito all’azione (call to action) per ciascuna e-mail. Il tuo invito all’azione potrebbe essere quello di fare clic su un collegamento, condividere il post del tuo blog sui social media, rispondere alla tua e-mail o acquistare il tuo prodotto.

Ecco un esempio di una sequenza preparata con autoresponder per il lancio di un prodotto informativo:

Email 1: Introduzione e ringraziamenti per l’iscrizione.

Email 2: spiega perché l’argomento o il problema specifico è importante. Questo aiuta a creare la domanda per il tuo prodotto.

Email 3: spiega cosa devono fare per risolvere il problema specifico e/o raggiungere un determinato obiettivo. Questo crea credibilità e inizi ad aiutare le persone in anticipo.

Email 4: Spiega come risolvere esattamente il problema in modo più dettagliato. Passa alla vendita e menziona che lancerai un nuovo prodotto / programma in pochi giorni.

Email 5: avvia il tuo prodotto. Indica al tuo elenco che il tuo prodotto è live e può essere acquistato nei prossimi giorni. Successivamente, chiuderai il carrello e non sarà disponibile.

Email 6: ricorda ai tuoi abbonati del prodotto. Condividi quante persone lo hanno acquistato finora, cosa ne pensano gli altri e quanti posti sono rimasti.

Email 7: ultimo giorno prima della chiusura, prima email. Informa i tuoi abbonati che sono rimaste 24 ore e che il tuo prodotto non sarà più disponibile. Ricorda loro cosa impareranno nel tuo programma e quali sono i vantaggi.

Email 8: ultimo giorno prima della chiusura, seconda email. Passa di più alla scarsità e che mancano solo poche ore. Successivamente, il tuo prodotto non sarà disponibile.

Email 9: due ore prima della chiusura. È qui che vai in piena scarsità e ti concentri sul cambiamento che le persone vogliono fare nelle loro vite. Quanto vogliono veramente risolvere i loro problemi / raggiungere i loro obiettivi?

Email 10: carrello chiuso. Invia una e-mail per spiegare agli utenti che il prodotto non è più disponibile. Condividi dati su quante persone sono entrate nel tuo programma. Grazie a tutti per il loro supporto.

3. Scrivere una serie di autoresponder che converte

Scrivere le email effettive delle tue serie di autoresponder potrebbe essere la parte più difficile di questo lavoro. Potresti anche voler affidarlo a un copywriter professionista. Tuttavia, se vuoi ancora imparare a farlo da solo, ecco cosa dovresti tenere a mente:

  • Concentrati prima sul lettore. Devi sempre scrivere le tue e-mail per soddisfare le esigenze dei tuoi abbonati, non le tue. Offri modi per risolvere i loro problemi, non semplicemente parlare dei tuoi prodotti e di quanto siano grandi. Chiediti, quali sono i maggiori punti deboli per i miei abbonati? Come posso risolvere il loro problema attuale in questa email?
  • Usa la personalizzazione. Personalizzare il contenuto delle tue e-mail lo renderà molto più pertinente e prezioso per loro. La personalizzazione va oltre l’inserimento del nome del tuo abbonato nell’e-mail. È necessario personalizzare il contenuto effettivo dell’e-mail per soddisfare le loro esigenze. Ad esempio, un rivenditore online troverà molto più utile leggere un’e-mail con l’oggetto, “Come creare backlink al tuo negozio di e-commerce” piuttosto che un oggetto generico, “Come costruire backlink”.
  • Scrivi grandi temi. David Ogilvy ha detto una volta che 80 centesimi del tuo dollaro dovrebbero essere spesi per scrivere titoli. Con le e-mail, l’oggetto è altrettanto importante. Se non attira attenzione, non verrà aperto. Quindi, passa la maggior parte del tuo tempo a scrivere e lucidare la riga dell’oggetto. Un’ottima riga dell’oggetto e-mail attira la curiosità sul contenuto dell’e-mail. È anche personale e altamente pertinente per il destinatario.

4. Monitorare e migliorare

Sebbene sia per lo più automatica, una serie di autoresponder via e-mail non è qualcosa che dovresti creare un giorno e poi dimenticare completamente il prossimo. Per ottenere i migliori risultati, monitora le prestazioni delle tue e-mail per identificare le aree che richiedono miglioramenti. Quindi, fai test A / B  e verifica alcune modifiche per apportare miglioramenti.

Ecco a cosa dovresti prestare attenzione quando analizzi le tue campagne di risposta automatica:

  • Percentuali di apertura. Se i tuoi tassi di apertura non sono come te li aspetti, considera quanto segue. Questo autoresponder è pertinente al tuo elenco? Le linee del soggetto sono buone quanto possono essere? Stai inviando le tue e-mail nei momenti migliori?
  • Percentuale di clic. Una volta che i tuoi abbonati hanno aperto la tua e-mail, stanno effettivamente intraprendendo le azioni necessarie? Se ritieni di avere una bassa percentuale di clic, forse il testo del corpo dell’email non è così efficace come dovrebbe essere. Considera quanto segue: il testo della tua email è rilevante per l’oggetto? Hai offerto un valore reale ai tuoi abbonati nell’e-mail? Il tuo invito all’azione è abbastanza chiaro? Il link è facile da trovare?
  • Tasso di annullamento dell’iscrizione. Le cancellazioni accadranno sempre, non importa cosa fai, e di solito va bene perché quelle persone probabilmente non avrebbero comprato da te comunque. Tuttavia, un’alta percentuale di annullamento dell’iscrizione può indicare che stai perdendo potenziali clienti. Controlla quanto segue: Perché le persone si sono iscritte al tuo elenco in primo luogo e stai mantenendo questa promessa? Il contenuto del tuo autoresponder è molto rilevante per il segmento a cui viene inviato? Stai inviando troppe email di vendita con email di scarso valore?

Ora che puoi automatizzare e indirizzare ciascuna delle tue campagne di email marketing, puoi trasformarle in una macchina di vendita.

Riassumendo

Speriamo che questa guida email marketing ti abbia aiutato a imparare come creare una campagna di email marketing efficace.

In questa guida email marketing abbiamo condiviso in dettaglio i seguenti elementi:

  • L’importanza dell’email marketing
  • Come iniziare
  • Far crescere la tua lista e-mail
  • Scelta del servizio di email marketing
  • Come segmentare la tua lista e-mail
  • Miglioramento dei tassi di apertura e di click allle mail
  • Automazione delle mail con autoresponder

E’ tutto! Speriamo che questa guida email marketing definitiva ti abbia aiutato ad imparare come fare email marketing in maniera appropiata. Potrebbe anche interessarti la nostra guida su come fare lead generation in WordPress nel modo giusto.

Dichiarazione sulla trasparenza: il contenuto di B-Fast è supportato dal lettore, il che significa che se fai clic su alcuni dei collegamenti in questo post, potremmo guadagnare una piccola tassa di riferimento. Tieni presente che raccomandiamo solo prodotti che utilizziamo noi stessi e / o che riteniamo possano aggiungere valore ai nostri lettori.

Condividi questo contenuto!

Related Posts