Condividi questo contenuto!

In questa guida ti spiegheremo cos’è l’influencer marketing e come farlo efficacemente.

Le basi dell’influencer marketing sono note a tutti: trova una figura ben nota e fidata per dire ai suoi follower che ci si può fidare anche di te.

Gli influencer, però, non sono tutti uguali, ma forse non nel modo in cui pensi.

Ad esempio, sapevi che i blogger non famosi hanno 10 volte più probabilità di influenzare un acquisto in negozio rispetto alle celebrità?

In effetti, la portata sociale da sola non significa molto in termini di ritorno sugli investimenti della campagna, secondo uno studio pubblicato da Collective Bias nel 2018.

Il “picco massimo” dei follower che gli influencer tendono ad avere per produrre il miglior coinvolgimento della campagna è 100.000. Dopodiché, i resi cadono rapidamente.

Questa è un’ottima notizia per quelli il cui budget non può permettersi un influencer che ha raggiunto lo status di celebrità. Concentrandosi sugli influencer con meno di 100.000 follower, i cosiddetti micro-influencer, si può arrivare ad avere in ogni caso ottimi risultati.

In questa guida passeremo attraverso tutto ciò che devi sapere su come iniziare con l’influencer marketing: cos’è, i vantaggi, chi sono gli influencer e cosa fanno e come avviare relazioni con gli influencer.

Cos’è l’Influencer Marketing?

L’influencer marketing si concentra sul marketing dei tuoi prodotti e servizi a persone influenti anziché al mercato di riferimento nel suo insieme.

Questo è diverso dal marketing tradizionale in cui paghi per gli annunci e speri che siano sufficienti per invogliare le persone ad acquistare il tuo prodotto. L’influencer marketing consiste esclusivamente nello sfruttare la relazione che esiste tra un influencer e i suoi follower. Si tratta di prove sociali.

Quali sono i vantaggi dell’influencer marketing?

Se fatto correttamente, l’influencer marketing è uno strumento potente che può aiutare i marchi a sviluppare una comprensione più profonda dei propri consumatori attraverso l’osservazione e l’analisi dell’interazione tra influencer e follower.

Per i marchi, ci sono tre vantaggi chiave da considerare:

Le persone si fidano delle persone

Le persone si fidano solo dei consigli di altre persone. Cose come recensioni di prodotti, menzioni sui media e contenuti generati dagli utenti sono tutte forme di prova sociale che segnalano al consumatore medio che le persone utilizzano e apprezzano i tuoi prodotti.

Gli influencer sembrano essere considerati un po’ più affidabili della maggior parte delle altre persone. Hanno impiegato tempo e sforzi per costruire il proprio marchio e far crescere il proprio pubblico. E apprezzano il loro pubblico più che ricevere un rapido pagamento per dire cose carine su un prodotto o servizio che in realtà non usano o in cui non credono.

Il loro pubblico lo sa. Ecco perché si fidano di loro.

Insight dalle persone che conoscono meglio il pubblico

Gli influencer sono tali perché conoscono molto bene i loro follower coinvolti. Sanno quale tipo di contenuto li spinge a impegnarsi e cosa non gli interessa.

Osservando, misurando e analizzando i tuoi consumatori attraverso le loro interazioni con gli influencer puoi apprendere informazioni preziose che ti aiuteranno a creare avatar dei clienti più completi, un migliore marketing dei contenuti e campagne tradizionali con più conversioni in futuro.

Più contatti

L’influencer marketing è ottimo per i lead “passaparola”.

Considera che ci sono milioni di utenti di social media in tutto il mondo.

Ogni volta che un influencer pubblica il tuo prodotto e un follower condivide il post del tuo prodotto o marchio viene visto da qualcuno che potrebbe non averti conosciuto fino a quel momento.

Cosa fanno gli influencer?

Faranno qualsiasi cosa tu voglia che facciano, purché sembri qualcosa che farebbero comunque. Dipende davvero dai tuoi obiettivi e da cosa chiedi loro.

Parliamo di alcune delle cose più comuni che abbiamo visto fare dagli influencer per i marchi.

1. Collegamento a te

Gli influencer a volte includeranno link ai tuoi prodotti o servizi sul loro sito web o in un post sul blog.

2. Scrivere di te

Un influencer potrebbe scrivere una recensione completa del tuo prodotto o un post in stile “best of” in cui il tuo prodotto viene confrontato con i tuoi concorrenti.

3. Contribuire al tuo sito, social media o evento

Avere un guest post di influencer sul tuo blog, acquisire un account sui social media o parlare al tuo evento è un ottimo modo per mostrare il loro supporto al tuo marchio e prodotto. E poiché il contenuto non sarà disponibile sulle piattaforme dell’influencer, i suoi follower dovranno venire sulle tue piattaforme per ottenerlo.

4. Promuoverti a un evento

Un influencer può promuoverti a un evento in molti modi diversi, da quelli molto formali a quelli super rilassati. Potrebbero parlare all’evento a tuo nome o apparire al tuo stand sponsorizzato. Oppure, potrebbero semplicemente presentarsi con la tua attrezzatura di marca come partecipante a un evento.

5. Condividere informazioni su di te sui social media

La maggior parte degli influencer probabilmente condivideranno comunque qualcosa su di te sui social media. A seconda della piattaforma, questo potrebbe includere testo, immagini o video, forse anche un collegamento al tuo sito.

Questi post avranno un aspetto diverso a seconda della piattaforma. Anche Facebook e Instagram gestiscono i contenuti sponsorizzati in modo leggermente diverso, quindi fai attenzione alle linee guida per la pubblicazione.

Come avviare relazioni di marketing con influencer

Ora che hai una chiara comprensione di cosa sia l’influencer marketing, ecco come trovare gli influencer giusti per te e il tuo marchio.

Passaggio 1. Imposta gli obiettivi

Prima di provare a trovare un influencer o pianificare qualsiasi tipo di marketing, devi pensare a cosa vuoi per il tuo marchio o prodotto.

Ecco un elenco di obiettivi comuni per iniziare. Puoi scegliere da questo elenco o scegliere il tuo.

  • Creare contenuti di branding originali
  • Generare recensioni di prodotti autentiche e facilmente reperibili
  • Creare offerte promozionali
  • Raggiungere un pubblico più giovane
  • Promuovere il coinvolgimento attorno al brand o prodotto
  • Indirizzare il traffico a una landing page o al sito web
  • Far crescere la mailing list con lead qualificati
  • Incrementare le vendite online / in negozio

Dopo aver scelto un obiettivo, imposta 2-3 indicatori chiave di prestazione (KPI) attorno a tale obiettivo. Ad esempio, se il tuo obiettivo è creare contenuti di branding originali, uno dei tuoi KPI potrebbe essere incentrato sulla riduzione della percentuale di frequenza di rimbalzo e sull’aumento del tempo di permanenza nel tuo sito web.

Passaggio 2. Definisci il tuo influencer ideale

Per assicurarti di trovare l’influencer giusto per te, cerca un influencer che:

  • Condivide regolarmente contenuti di qualità
  • Interagisce con i loro follower
  • Ha una base di follower ampia e attiva che ama e commenta
  • Sembra autentico nel comportamento e nel linguaggio
  • Si adatta allo stile del tuo marchio

Ricorda che il numero di follower non significa che la portata o il coinvolgimento corrisponderanno. I micro-influencer con follower che vanno da 10.000 a 100.000 possono fare molto di più per il tuo marchio rispetto agli influencer con follower che contano milioni se il livello di coinvolgimento è più alto.

Passaggio 3. Trova il giusto influencer

Gli influencer hanno un vasto pubblico online che li guarda per recensioni, suggerimenti e tendenze. È comune vedere gli influencer attenersi a una certa nicchia come notizie su salute e fitness o intrattenimento.

Tendono anche a specializzarsi in una piattaforma specifica come i social media o i blog. Anche all’interno dei social media, la copertura può variare in base a ciascuna piattaforma. Un influencer con un’enorme portata su Instagram potrebbe non avere la stessa portata su Twitter o Snapchat, ad esempio.

Con tutte queste variabili, come puoi essere sicuro di aver trovato l’influencer giusto?

L’influencer Gary Vee propone un metodo semplice per assicurarti di essere sulla strada giusta:

  • Valuta il loro pubblico per sapere chi stanno realmente raggiungendo. Se il tuo target sono le mamme, ma il loro pubblico è di 15 anni, non è una buona idea.
  • Valuta il coinvolgimento effettivo come percentuale sul numero complessivo di follower per vedere se le interazioni sono superficiali o se i follower sono effettivamente interessati e coinvolti.
  • Evolvi valutando l’efficacia di ciò che stai facendo e assicurandoti che gli obiettivi vengano raggiunti, quindi apporta le modifiche in base ai risultati .

Trovare il giusto influencer è un gioco complicato di ricerca per parole chiave, setacciamento dei profili, lettura di blog e ricerche su Google. Può essere un processo che richiede tempo. È gratificante e ne vale la pena, ma richiede tempo.

Fortunatamente, ci sono alcuni siti là fuori che lo rendono un po’ più semplice:

BuzzStream

Con BuzzStream puoi ricercare influencer e metterti in contatto con loro con comunicazioni personalizzate per costruire relazioni.

FollowerWonk

FollowerWonk ti consente di trovare utenti Twitter rilevanti nella tua nicchia, cercare biografie, confrontare utenti, monitorare follower, ordinare follower e altro ancora.

PeerReach

Con PeerReach puoi assicurarti di parlare sempre di ciò che conta di più con le persone che contano di più.

Passaggio 4. Negoziare un compenso equo

Avresti dovuto già pianificarlo, ma alla fine ne parliamo perché il tuo piano dovrebbe consentire un certo margine di manovra per un po’ di negoziazione con l’influencer.

Ricorda, ti sei avvicinato a loro perché hai visto qualcosa di valore nel loro coinvolgimento. Quindi se vuoi quello giusto devi essere disposto a trattare.

Passaggio 5. Monitoraggio e misurazione dei risultati

Se imposti i tuoi obiettivi e i KPI all’inizio, questo passaggio dovrebbe essere facile. Fai riferimento a loro durante la tua campagna per vedere dove ti trovi in ​​modo da poter apportare le modifiche di conseguenza.

E’ tutto. Speriamo che questa guida su cos’è l’influencer marketing e come farlo correttamente ti abbia aiutato a capire come abbozzare un piano per trovare e collaborare con l’influencer giusto per la tua azienda e la sua strategia di marketing. Potrebbe anche interessarti la nostra guida al webinar marketing.

Dichiarazione sulla trasparenza: il contenuto di B-Fast è supportato dal lettore, il che significa che se fai clic su alcuni dei collegamenti in questo post, potremmo guadagnare una piccola tassa di riferimento. Tieni presente che raccomandiamo solo prodotti che utilizziamo noi stessi e / o che riteniamo possano aggiungere valore ai nostri lettori.

Condividi questo contenuto!

Related Posts